giovedì 6 settembre 2007

Oggi prima amichevole per Pato aspettando Ronaldo


In un comunicato ufficiale del Milan si legge come ieri al suo primo allenamento con il gruppo il giovane talento brasiliano che vestirà la maglia numero 7 abbia siglato la sua prima doppietta con la maglia rossonera. Tutti si augurano che sia solo il prologo allo sbocciare di un grande campione che possa aiutare i rossoneri a raggiungere i numerosi traguardi che si sono prefissati in questa stagione. Pato nelle sue prime dichiarazioni ha dimostrato di avere personalità e voglia di impressionare, la scelta della maglia numero 7 è sicuramente sinonimo di voglia di fare e di non avere paura dei fantasmi di chi, quella maglia l'ha vestita per molti anni facendo le sue fortune e quelle della società, ovviamente parliamo di Sheva. Come lo stesso Ancelotti ha fatto notare, Pato non è un clone di Kaka in quanto cambia decisamente di ruolo rispetto al talento di San Paolo. Il "papero" infatti è una prima punta agile e veloce, tecnico e freddo, senza voler fare subito paragoni si può dire che assomigli molto di più al gioco dell'Ucraino che prima di lui aveva incantato San Siro con quella maglia. Oggi contro la Dinamo Kiev con ogni probabilità scenderà in campo nella sua prima amichevole, naturalmente gli occhi saranno puntati tutti si du lui e sarà solo un assaggio della pressione che metterà l'opinione pubblica e la stampa a questo giovane talento. Altro discorso va fatto invece per il suo connazionale, Ronaldo, che ormai da settimane è quasi diventato un giallo. Dopo un leggero risentimento che si sperava si risolvesse in alcuni giorni la situazione sembra esser peggiorata e lo stop si è prolungato e durerà sino a che il numero 99 rossonero non sarà sicuro e tranquillo per poter scendere in campo. C'è chi dice che lo staff sanitario del Milan abbia preso un pò sotto gamba l'infortunio del fenomeno, ma pare più che altro che le decisioni della società rossonera siano finalizzate a riavere l'attaccante a pieno servizio e pronto per affrontare un'intera stagione e non certo singole partite. Il tecnico milanista ha assicurato che con ogni probabilità lo rivedremo in campo contro il Siena, ma pare più realistica la data della prima gara di Champions League. Allora non ci rimane che aspettare i due brasiliani nella speranza che Ronaldo prima e Pato poi possano dare quella brillantezza che sin'ora la scarsa condizione di Gilardino e lo scartamento ridotto di Inzaghi non hanno garantito alla società di Via Turati.

Nessun commento: