martedì 10 luglio 2007

Ancora Ronaldinho; Cruz vuole andare via?


Ancora una volta il suo nome, ancora una volta la sua classe viene affiancata alla società rossonera. Tante volte abbiamo scritto su questa possibilità, e tante volte il giorno dopo ci siamo trovati a ritrattare tutto, a fare marcia indietro appurando come il fenomeno brasiliano del Barça voglia restare e continuare ad incantare il pubblico spagnolo. Ma adesso sembra che ci sia qualcosa di concreto, infatti viene data come imminente la visita degli emissari rossoneri in terra spagnola per contrattare il cartellino di Ronaldinho. il costo è altissimo, ma come più volte ha detto Berlusconi, il Milan e lui in prima persona sarebbero disposti a un grosso sacrificio anche economico, perchè per un giocatore così si può osare, si può superare il limite del razionale valore di un giocatore di calcio. Certo sarebbe l'ipotesi più gradita ai dirigenti rossoneri, forse non per il tecnico milanista, Ancelotti ha infatti più volte detto come il suo principale desiderio sia quello di allenare un certo Eto'o, un giocatore che non vincolerebbe il tecnico a moduli obbligati. Potrebbe infatti utilizzare le due punte o una sola, con Ronaldinho invece si tratterebbe di giocare sempre e comunque con due mezze punte, lui e Kaka appunto, e un terminale offensivo che potrebbe variare in base alle circostanze e alla forma tra Ronaldo, Inzaghi e Gilardino. Certo vedere Kaka e Ronaldinho giocare insieme esalterebbe la tifoseria e forse sarebbe uno spettacolo per chiunque andasse allo stadio ad assistere a tale spettacolo. La pubblicità e la visione mondiale che questo colpo potrebbe dare al Milan in pochi anni ripagherebbero certo anke lo sforzo economico, quindi non è un'ipotesi così incredibile che se il fenomeno brasiliano decidesse di lasciare la Spagna, il Milan sarebbe proprio la squadra destinata ad accoglierlo.

Sull'altra sponda del naviglio è iniziata già la preparazione con il pre-ritiro in sardegna, ci sono i giocatori e le loro famiglie, c'è anche Adriano che contro ogni pronostico si è presentato in orarioe in discreta forma. Sarà forse questo il suo anno?, l'anno nel quale finalmente riuscirà a far vedere che l'attributo di Imperatore se l'era guadagnato e ancora oggi è il solo e l'unico a meritarselo. Il suo compagno di reparto Cruz però lancia l'alllarme sovraffollamento nel reparto offensivo, sono ancora tanti, forse troppi infatti a giocarsi la maglietta da titolare. Cruz negli anni è sempre stato una riserva di lusso, uno che in campo ha sempre fatto vedere di non essere inferiore a molti dei suoi compagni e anzi, di gol ne ha sempre fatti tanti, sicuramente più di Adriano negli ultimi due anni. E allora o parte qualcuno, o magari sarà proprio lui a lasciare la maglia neroazzurra, ha voglia di giocare, ha voglia di far vedere che oltre ad essere un ottimo comprimario può anche lui essere una prima donna, il jolly che può cambiare la partite anche giocando dal primo minuto. Ora si vedrà, i giorni passano, le squadre iniziano il precampionato e piano piano le rose dovranno perforza ultimarsi e definirsi, tutto si deciderà nel prossimo mese.

Nessun commento: