sabato 2 giugno 2007

Tutti all'attacco

TUTTI ALL'ATTACCO

Stasera si gioca una importante partita per le qualificazioni al prossimo Europeo, ma la notizia si ritaglia appena qualche riga nei quotidiani sportivi. E' vero che l'attesa per questa sfida è smorzata dalla facilità dell'incontro, ma è altrettanto vero che il rincorrersi di imminenti terremoti sul mercato delle punte attira lettori ed editorialisti. pare infatti conclusa la trattativa che vedrebbe arrivare Iaquinta alla Juve. La punta, od ormai ex punta dell'Udinese, è sicuramente un buon acquisto per la squadra torinese, che andrebbe così a innestare nella rosa una giocatore mobile, potente fisicamente e con un buon fiuto del gol. Non è certo un fuoriclasse ma è sicuramente un ottima pedina nello scacchiere che, nella prossima stagione, pare proprio sarà diretto da Ranieri. La notizia che invece sembra essere più strana ed interessante è quella di un ipotetico scambio Adriano-Gilardino. Nemmeno a dirlo la punta milanista avrebbe contattato anche la società di Via Durini ma, l'Inter, non sembra intenzionata a far partire una trattativa con i rivali rossoneri a meno che non siano proprio loro ad avvallare l'operazione. Gilardino infatti non ha ricevuto le garanzie di essere la punta titolare e, pare non abbia la voglia di conquistare tale posto, preferendo in alternativa una squadra che possa puntare su di lui ad occhi chiusi, cosa che il Milan non si può più permettere. Per l'Inter però è sempre presente la paura che la trattativa si possa rivelare un'ennesimo affare per il Milan che, si augura di far rinascere Adriano al fianco di Ronaldo e Kaka. Sembra molto più probabile che il numero 11 rossonero rimanga nella società di Via Turati o al massimo possa volare a Torino ma, il Milan è stato molto chiaro, nessun tipo di regalo, la punta non si muove per meno di 24milioni di euro, la cifra con la quale era stato comprato. Vedremo, ma per Gilardino si preannuncia una lunga estate.

1 commento:

Pietro ha detto...

Adriano ha un potenziale migliore di Gila, e se va al Milan ritorna imperatore